Paste di meliga al cioccolato

Amo i biscotti, si vede dal titolo del blog???

Questo è il mio secondo esperimento, il primo ha fatto una brutta fine, in pratica dopo aver lavorato ogni biscotto con la sac a poche mi si sono spatarrati (voce del verbo spatarrare) per tutta la leccarda, creando un grazioso mega biscotto alto 4-5 mm…io non vi racconto il nervoso ma credo che lo capiate da soli. Non so cosa avevo fatto di sbagliato so solo che per un anno ho evitato di farli, anche perchè quella volta avevo usato una ricetta super collaudata di un’amica, ero tristissima!

Dopo questo trauma ho cambiato ricetta, della serie ricetta nuova sarà mai che non sbaglio??E in effetti sono venuti buoni ma non burrosi come dovevano, i veri biscotti di meliga non sono propriamente da dieta, a ogni morso pensi, ok, questo vale un’oretta di corsa, questo 200 gradini, questo 2 ore di yoga filate e così via, la mia tecnica è, mentre mangio converso (non a bocca piena eh???) così non ci penso e non mi sento in colpa.

 

Ingredienti:

125 g di farina bianca;

125 g di farina di mais;

100 g di cioccolato fondente;

70 g di zucchero semolato;

2 uova;

150 g di burro;

un cucchiaino di latte.

Unire le due farine aggiungendoci un pizzico di sale, lavorare in una terrina le uova con lo zucchero e poi aggiungerlo al composto di farine, per ultimo aggiungere il burro.

Lasciar riposare il composto almeno 30 minuti in frigo.

Ok, ora armatevi di forza e sac a poche, mettetene poco per volta nella sacca, se no alla fine avrete male alle mani a forza di premere (come la sottoscritta tra l’altro) in questo modo scalderete meglio il composto e farete meno fatica.

Infornare a 180°C per 12-15 minuti.

Lasciarli raffreddare completamente su una gratella, dopodichè sciogliere il cioccolato in un pentolino con un cucchiaino di latte (per non farlo attaccare al fondo) e intingere i biscotti.

Un piccolo consiglio da massaia repressa, io per non sporcare da nessuna parte ho messo i biscotti guarniti su un foglio di silicone, anche vicinissimi vanno bene, il cioccolato una volta freddo si staccherà benissimo, vi sconsiglio vivamente la ceramica, una volta seccato il cioccolato vi ci vorrà un flessibile per toglierli da lì!

Precedente Canestrelli Successivo Lingue di gatto al cacao e cioccolato